Data: 28/09/2012
 

ArtFreshFish, l'artista che vende pesce fresco riciclato

Tonni appesi, un capodoglio intrappolato, un pesce solitario, un capo d'aglio. Dopo lo spiaggiamento le creature si "rianimano" nel suo laboratorio che s'affaccia in un vicolo nel cuore di Livorno

ArtFreshFish, l'artista che vende pesce fresco riciclato

Stefano Pilato è un artista toscano che vive a Livorno. I suoi pesci sono sempre freschi di materiale spiaggiato e riciclato appena raccolto sulle rive etrusche. E' dal 1993 che Pilato passeggia raccogliendo quello che il mare restituisce, soprattutto legno, assemblandolo con altri materiali costruisce principalmente pesci da appendere. E sempre con lo stesso principio del riciclaggio, realizza anche installazioni, sculture, lampade, specchi, oggetti di scena e altro. L'intento è di raccontare il mare e i sui abitanti usando oggetti che il mare stesso restituisce.
«Ho cominciato per caso», racconta Stefano. «Passeggiando sulle spiagge e nei porticcioli del litorale livornese sono stato colpito dall’aspetto di alcuni pezzi di legno o di metallo e perfino di plastica che, spersi in mezzo ai rottami trascinati dalle mareggiate, assumevano una loro bellezza e mi suggerivano figure e forme di animali, soprattutto pesci immaginari. E' iniziata così la mia caccia ai materiali che la gente rifiuta. Smontare e assemblare parti di utensili nati con una logica di funzionalità e farli rinascere, trasformati in qualcosa di poetico e fantasioso, è per me la sfida più bella e stimolante».
Tonni appesi, un capodoglio intrappolato, ma anche un capo d'aglio. Pilato fino al 20 ottobre espone a Genova nella collettiva “Ciò che il mare riporta 2012” allestita da Galata Museo del Mare. Tema della mostra in corso: l'arte fatta con oggetti lasciati sulle spiagge. Più di 40 installazioni di 10 artisti contemporanei che evocano il mare attraverso gli oggetti che esso stesso restituisce alla terra: tra le opere esposte, la donna fatta di scarti di legno e cortecce (così come la vede l'artista livornese Armando Tanzini, che dal 1970 vive e lavora in Kenya), il Puledro di rottami (così come lo concepisce Piero Motta). Nella mostra, hanno spiegato le curatrici Elisabetta Lodoli e Elena Boschieri "riemerge da protagonista l'intero universo umano, dalla natura all'industria, plasmato dalle onde del mare".
Ma se siete incuriositi dalla "freschezza dei pesci" di Pilato basta andarlo a trovare, il suo laboratorio è in Borgo dei Cappuccini, nel cuore di Livorno. E il suo sito lascia immaginare strabilianti sorprese, basta collegarsi a questo link: artpescefresco. 

Beatrice Dell'Acqua - Roma

Inserisci il tuo commento

* Nome
* Email
(non verrà pubblicata)
* Commento
* Codice di sicurezza

Digita qui il codice di sicurezza
 
  • MareNero

    MareNero - Numero 0

    MareNero - Numero 0

    26/06/2014

    Macabro, estremo, neo-noir, insolito, lugubre, inquietante, atroce; inediti, esordienti e autori affermati nella rivista che tanto ci mancava. Contaminazione di generi e visioni alterate nel supplemento gratuito di MareeOnline.com... Continua

Sostieni Mareeonline.com



Perchè sostenerci?

Iscriviti alla newsletter di Maree

  • E-Mail:

            



© Copyright 2012-2017 "Maree, i racconti dell'acqua"
Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l’unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.mareeonline.com Termini e condizioni

Progettazione: IT Resources
Webmaster: Italy Media Design