Data: 03/08/2012
 

Acqua in zona Cesarini

Con l'espressione “al di là dell’acqua”, nei primi del ‘900,  le persone in procinto di emigrare, solevano indicare quella terra lontana e misteriosa che era l’Argentina. Ed è oggi il titolo di un'opera teatrale che ripercorre la storia di Renato Cesarini

Acqua in zona Cesarini

Era il 13 dicembre 1931, si giocava Italia-Ungheria valevole per la Coppa Internazionale. La gara sembrava ormai avviata verso un pareggio per 2 a 2, quando al 90', la mezzala Renato Cesarini trafisse il portiere dei magiari Ujvari, regalando all'Italia un'inattesa vittoria. Era nata la "zona Cesarini", coniata dal giornalista sportivo Eugenio Danese. Da quel momento, quando una squadra avrebbe raggiunto un risultato nei minuti finali di una partita, sarebbe stata utilizzata questa espressione. Cosa centra Cesarini con l'acqua? In questi mesi estivi c'è un'opera teatrale che gira per lItalia e si chiama “Al di là dell’acqua". E' uno spettacolo teatrale che prende spunto dal libro “Zona Cesarini. Il calcio, la vita” (ed. Bompiani) scritto da Luca Pagliari nel 2006. In esattamente 90 minuti, il tempo di una partita, Luca racconta la vita di Renato Cesarini, calciatore di grande talento, allenatore leggendario, ma soprattutto un uomo incredibile. Emigrazione, miseria, sogni, visioni, ricchezza, originalità, altruismo e genialità, sono alcuni tra gli elementi che hanno caratterizzato la vita di Renato Cesarini. In Argentina la sua storia è leggenda. In Italia il suo nome è rimasto prigioniero del neologismo “Zona Cesarini”. Accompagnano Luca Pagliari in questo affascinante viaggio, Mario Stefano Pietrodarchi, fisarmonicista di fama mondiale e Luca Lucini alla chitarra, anche lui musicista apprezzato in parecchi paesi del mondo. Un'occasione per rileggere la storia di Renato Cesarini.

Inserisci il tuo commento

* Nome
* Email
(non verrà pubblicata)
* Commento
* Codice di sicurezza

Digita qui il codice di sicurezza
 
  • MareNero

    MareNero - Numero 0

    MareNero - Numero 0

    26/06/2014

    Macabro, estremo, neo-noir, insolito, lugubre, inquietante, atroce; inediti, esordienti e autori affermati nella rivista che tanto ci mancava. Contaminazione di generi e visioni alterate nel supplemento gratuito di MareeOnline.com... Continua

Sostieni Mareeonline.com



Perchè sostenerci?

Iscriviti alla newsletter di Maree

  • E-Mail:

            



© Copyright 2012-2019 "Maree, i racconti dell'acqua"
Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l’unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.mareeonline.com Termini e condizioni

Progettazione: IT Resources
Webmaster: Italy Media Design