Data: 23/11/2012
 

Skyfall, nome in codice: coda di rospo. Pescatrice nella scarola

Lei è tenace, testarda dalle carni magre e incredibilmente saporite. Passa il tempo a pel di sabbia sul fondo del mare, in attesa di prede che le cadano letteralmente in bocca dal cielo un attimo dopo aver sfiorato la sua antennina 

Skyfall, nome in codice: coda di rospo. Pescatrice nella scarola

Due, tre cose che so sulla Rana pescatrice. Dunque, per essere sicuri che sia fresca, la rana pescatrice deve essere acquistata intera, con tutta la testa, con la quale fra l’altro si possono cucinare ottime zuppe di pesce. Con il fegato si possono preparare ottimi crostini. Se pulita e senza testa, già pronta all'uso, cambia nome: si “fa chiamare” Coda di rospo. Lei passa la maggior parte del tempo a pel di sabbia sul fondo del mare, in attesa delle prede che gli cadono letteralmente in bocca dal cielo un attimo dopo aver sfiorato la sua antennina: skyfall. E' un pesce tenace e orgoglioso ma dalle carni magre. Il suo sapore è diverso a seconda della provenienza: quelle pescate in Adriatico hanno carni sode ed un gusto delicato, quelle pescate in Sicilia per la diversa alimentazione a volte hanno carni con un sapore più intenso. E adesso a noi, preparete il pentolame e sotto con la ricetta. Per questa ricetta servono dei tranci, quindi, in pescheria fatevi affettare la coda di rospo oppure affidatevi a quelli già impacchettati e surgelati, comunque scegliate non ve ne pentirete. Dimenticavo, per questa ricetta non potete fare a meno di alcune foglie di scarola "croccante", insomma, che non sia "moscia". Anche perché ci pensereno noi ad "ammosciarle" con l'uvetta. Mi raccomando, ancora: una "pescatrice", una "foglia". Sarà una pietanza gustosa, veloce, invernale. E non perdetevi il video allegato: underwater con 007. Skyfall!

 
Ingredienti
 
  • 800 gr di tranci di pescatrice
  • una piccola cipolla
  • 200 gr di scarola
  • 30 gr di uvetta
  • 30 gr di pinoli
  • 2 filetti di acciuga  sott'olio
  • olio extra vergine qb
  • sale e pepe qb
 
Esecuzione
 
Lavate e asciugate la scarola e spezzettatela grossolanamente con le mani. Affettate la cipolla sottile e fatela appassire in una padella antiaderente con un pò di olio extra vergine, aggiungete i filetti di acciuga e i pinoli, fate insaporire a fuoco dolce finchè la cipolla comincerà a dorare. Aggiungiamo ora la scarola e l'uvetta, regoliamo di sale e insaporiamo con una generosa macinata di pepe.
Lasciamo cuocere a fuoco vivace per 5 minuti, mescolando, fin quando la scarola sarà morbida e leggermente appassita. Prepariamo 4 quadrati di carta forno, mettiamo al centro i tranci di pescatrice, un po' di sale e un po' di pepe, e distribuiamo sopra la scarola saltata con un po' del suo fondo di cottura.
Chiudiamo i cartocci arrotolando bene i bordi. Sistemiamo i cartocci sulla placca da forno e li cuociamo a 200° (forno gia caldo) per circa 10-15 minuti, finchè la carta risulta dorata. Trasferiamo pesce e scarola sui piatti e serviamo caldi.
 
Silvia Maria Sanges - Roma
 

 Sott'acqua con 007, val bene una rana pescatrice avvolta nella scarola

Inserisci il tuo commento

* Nome
* Email
(non verrà pubblicata)
* Commento
* Codice di sicurezza

Digita qui il codice di sicurezza
 
  • MareNero

    MareNero - Numero 0

    MareNero - Numero 0

    26/06/2014

    Macabro, estremo, neo-noir, insolito, lugubre, inquietante, atroce; inediti, esordienti e autori affermati nella rivista che tanto ci mancava. Contaminazione di generi e visioni alterate nel supplemento gratuito di MareeOnline.com... Continua

Sostieni Mareeonline.com



Perchè sostenerci?

Iscriviti alla newsletter di Maree

  • E-Mail:

            



© Copyright 2012-2017 "Maree, i racconti dell'acqua"
Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l’unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.mareeonline.com Termini e condizioni

Progettazione: IT Resources
Webmaster: Italy Media Design