Data: 22/02/2013
 

Zero Grau / Zero Degree

Il video che vi proponiamo questa settimana è sulle opere dell'artista brasiliana Néle Azevedo. Al suo lavoro abbiamo dedicato anche la rubrica WaterArt con il ritratto: I ghiacci carioca che sciolgono il cuore.
Siamo stati rapiti dalla straordinarietà dei suoi lavori, delle sue performances. Uomini e donne di ghiaccio, persone, che si trasformano in acqua. Figure nel paesaggio urbano che si sciolgono davanti ai nostri occhi che sembrano volerci comunicare l'effimera e temporale esistenza nonché la nostra dipendenza dal mondo della natura e dai suoi elementi come l’acqua appunto. Delle presenze che nella loro semplicità ci comunicano un angoscia "estinzionale". E' negli spazi urbani che sono le piazze, che meglio si esprime il messaggio di riconquista dello spazio stesso destinato alla gente e per la gente. Non più figure storiche, eroi di altri tempi che si ergono su piedistalli distanti come simboli e modelli di un passato che è remoto nei suoi valori. E’ nel 2001 che Azevedo inizia a lavorare con degli “interventi urbani” che prenderanno poi forma nel "Minimum Project" per la ridefinizione degli spazi urbani e dei loro monumenti che qui vi presentiamo. Il Brasile come trampolino di lancio ma anche Cuba, Giappone, Francia, Germania, Portogallo ed Italia. Fra tutti i suoi lavori spicca il progetto “Army of melting Men” di giacomettiana rarefazione che si muove con un moto accellerato e dallo sciogliersi naturale di questi uomini e donne di ghiaccio che catturano l’attenzione del passante e  sono testimonianza di un ritorno alla "sorgente" della quale tutti noi facciamo parte: l'acqua. Per saperne di più: I ghiacci carioca che sciolgono il cuore.

 

Vídeo: NTSC, 4′ 49″, São Paulo, 2007 - diretto da Néle Azevedo e Ricardo Sêco

 

Inserisci il tuo commento

* Nome
* Email
(non verrà pubblicata)
* Commento
* Codice di sicurezza

Digita qui il codice di sicurezza
 
  • MareNero

    MareNero - Numero 0

    MareNero - Numero 0

    26/06/2014

    Macabro, estremo, neo-noir, insolito, lugubre, inquietante, atroce; inediti, esordienti e autori affermati nella rivista che tanto ci mancava. Contaminazione di generi e visioni alterate nel supplemento gratuito di MareeOnline.com... Continua

Sostieni Mareeonline.com



Perchè sostenerci?

Iscriviti alla newsletter di Maree

  • E-Mail:

            



© Copyright 2012-2018 "Maree, i racconti dell'acqua"
Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l’unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.mareeonline.com Termini e condizioni

Progettazione: IT Resources
Webmaster: Italy Media Design