Data: 10/08/2012
 

Sulle rive del Paraná il museo della foresta

Il fiume Iguaçu è un affluente del Paraná. La regione è quella della grande centrale idroelettrica di Itaipu, delle vestigia delle missioni gesuitiche. Qui vivono, venerati, i pesci dorati, le tigri del Paranà

Sulle rive del Paraná il museo della foresta

L’imbarco è sul fiume Iguaçu, in Brasile, a bordo di un battello. Più in là, navigando ai confini con l’Argentina, l’acqua biancastra delle grandi cascate contrasta con il verde tropicale e il rosso del terreno. Iguaçu in guaranì vuol dire grandi acque. Così gli indigeni chiamarono il fiume e le cascate. Una leggenda di questi luoghi ricorda l’amore di un dio per la bella Naipú fuggita con Caroba, suo amante, a bordo di una canoa. Per la rabbia, racconta la leggenda, il dio tramutò le acque del fiume in cascate, Naipú in roccia, Caroba in albero. Gli amanti invisi al dio del grande fiume ancora oggi si guardano senza potersi sfiorare. Il fiume Iguaçu è un affluente del Paraná. La regione è quella della grande centrale idroelettrica di Itaipu, delle vestigia delle missioni gesuitiche disseminate fra Brasile, Paraguay e Argentina. Qui vivono, venerati, i pesci dorati, le tigri del Paraná. Terra di prodigi e di bellezze naturali, quaggiù ancora raccontano di quel corpo luminoso dalla grande scia rossastra che una notte di tanti anni fa cadde su Medianeira, lungo la rotabile Foz do Iguaçu-Cascavel, nel Paraná, e su Lajeado Ipiranga. Era un meteorite, di quelli che fanno la gioia dei giornali locali. Navigando lungo il Paraná, fra alberi e ramaglie aggrovigliate, dove si nascondono gli sguardi dei felini del Sud America e quelli di pappagalli e tucani, il battello giunge a Puerto Bertoni dove sorge, anch’esso nascosto fra la vegetazione, il Monumento Científico y Natural Nacional Moisés Bertoni. Siamo nell’Alto Paraná, nel Paraguay orientale, fra Brasile e Argentina, non lontano dalle cascate di Iguaçu e a qualche centinaio di chilometri da Asunción, capitale del Paraguay. Accoglie i visitatori dopo una passeggiata fra la boscaglia e sentieri in pietra viva un cartello con la storia e la mappa del luogo. La riserva protegge quei pochi ettari sfuggiti all’invasione gaucho-brasiliana della soia. Ma ciò che colpisce è la casa. Una casa in legno chiaro, pennellate amaranto, patio e balconata, cui fanno da guardia palme e alberi altissimi. Dentro, mobili antichi, macchinari, oggetti di lavoro, collezioni naturalistiche, libri, qualche manoscritto. La casa, oggi museo, è quanto rimane della antica colonia Guillermo Tell fondata da Mosé Bertoni nel 1893. Era il 31 marzo del 1884 quando Bertoni sbarcò a Buenos Aires con la moglie Eugenia, la madre Giuseppina, cinque figli e alcuni coloni svizzeri a bordo di una nave stivata di emigranti. Arrivava dal Canton Ticino, dove era nato ventisette anni prima. Nel 1887 era passato in Paraguay, fondando una colonia nell’Alto Paraná nel luogo ancora oggi conosciuto come Puerto Bertoni. Al suo arrivo, trovò, immersi nella foresta pluviale, gli indiani Mbya di lingua guaraní dediti alla caccia, alla pesca e alla coltivazione di mais, manioca, fagioli, patate, arachidi. Nel 1894 è ad Asunción, direttore della Scuola Nazionale di Agricoltura. Al suo ritorno, Puerto Bertoni, dove le coltivazioni sono ormai da reddito, diventa una stazione agronomica. Bertoni agricoltore e colono scrive, disegna mappe, studia climatologia, botanica, zoologia, etnografia, stila calendari delle piogge. Arrivano le grandi gelate con la distruzione delle piantagioni. Nel 1918 nasce la tipografia Ex Sylvis. Le macchine sono azionate a pedale. Manca l’energia elettrica, in una regione dove anche carta e inchiostro sono difficili da trovare. Passano gli anni, nel 1929, quando Mosè ed Eugenia muoiono, la Guillermo Tell è ormai in decadenza. Bertoni lascia in eredità parte della descrizione fisica, economica e sociale del Paraguay, un almanacco agricolo, una mappa del Paraguay orientale, libri e articoli scientifici. Molte delle sue collezioni botaniche, zoologiche, micologiche sono invece andate distrutte a causa delle alluvioni, dell’umidità e degli insetti. Non i suoi manoscritti, oggi custoditi ad Asunción, mentre anni fa studiosi ticinesi hanno ritrovato nella foresta paraguaiana le sue lettere. Bertoni oggi riposa sulle rive del Paraná accanto a Eugenia. Così come per la casa con patio, fanno loro da guardia palme e alberi altissimi. La loro ombra sull’uomo del grande fiume, creatore del mito della civiltà guaraní.

 
Stefania Elena Carnemolla - Milano

 

 

Inserisci il tuo commento

* Nome
* Email
(non verrà pubblicata)
* Commento
* Codice di sicurezza

Digita qui il codice di sicurezza
 
  • Editoriale

    Maree, i racconti dell'acqua

    Maree, i racconti dell'acqua

    03/08/2012

    Benvenuti a “Maree, i racconti dell’acqua”. Premetto subito che i miei interventi da editore si manterranno ad un minimo, altre collaborazioni ed impegni me lo richiedono ma sarò sempre sul ponte della nave di Maree ... Continua

  • MareNero

    MareNero - Numero 0

    MareNero - Numero 0

    26/06/2014

    Macabro, estremo, neo-noir, insolito, lugubre, inquietante, atroce; inediti, esordienti e autori affermati nella rivista che tanto ci mancava. Contaminazione di generi e visioni alterate nel supplemento gratuito di MareeOnline.com... Continua

  • WaterBooks

    Acqua in zona Cesarini

    Acqua in zona Cesarini

    03/08/2012

    Con l'espressione “al di là dell’acqua”, nei primi del ‘900,  le persone in procinto di emigrare, solevano indicare quella terra lontana e misteriosa che era l’Argentina. Ed è oggi il titolo di un'opera teatrale che ripercorre la storia di Renato Cesarini... Continua

Sostieni Mareeonline.com



Perchè sostenerci?

Iscriviti alla newsletter di Maree

  • E-Mail:

            



© Copyright 2012-2019 "Maree, i racconti dell'acqua"
Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l’unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.mareeonline.com Termini e condizioni

Progettazione: IT Resources
Webmaster: Italy Media Design